Apericena in Fattoria e dialoghi con l’autore che cammina con un asino al suo fianco | Montemitro MOLISE

Tempo stimato di lettura: 3 minuti –

“Sono grato a Fiocco, sono innamorato degli asini e avere la possibilità di parlare di loro per il rispetto che meritano dà un senso a tutto ciò che faccio. In alto i cuori!”  (Alfio Scandurra)

Ci aspetta una bella serata in compagnia di Alfio Scandurra, autore del libro “Di asini e di boschi” (Ediciclo Editore) che cammina per borghi antichi, natura e sentieri sconosciuti con al suo fianco un animale tanto delizioso quanto determinato, Fiocco, l’asino che gli ha cambiato la vita. Un autore speciale come speciale è la fattoria che lo accoglie, la Fattoria sociale Il Giardino dei ciliegi di Montemitro, immersa nei favolosi boschi del Molise.

Appennino tra Molise e Abruzzo – Veduta panoramica di Montemitro CB MOLISE

“Fiocco, chi sei tu veramente? Per quale scopo sei entrato nella mia vita cambiandomi in modo così radicale? Essere mite e profondo, tenace e dal passo sicuro di zoccoli forti, hai scoperchiato il mio io nascosto, hai rivelato la mia forza e, in silenzio, mi hai condotto alla mia anima…” (Alfio Scandurra).

Alfio, da viaggiatore sensibile, descrive così le sue sensazioni quando è immerso nella natura: “Osservare tutto, anche i piccoli particolari, le tracce degli animali, chiudere gli occhi e ascoltare il vento, accendere un fuoco e prepararmi da mangiare in silenzio. Un senso di pace mi pervade, questo star bene penetra nel mio corpo e amplifica i miei sensi facendomi sentire parte del tutto. È tutto così bello ed e così semplice se ci pensiamo.”

Borgo di Montemitro CB MOLISE

Venerdì 7 agosto 2020, nell’accogliente location della fattoria, si parlerà di asini, di animo umano, di luoghi fuori dal comune e di cammini lenti al ritmo di un tempo che non esiste quasi più, quello perfetto, l’ideale per valorizzare l’essere umano in tutta la sua essenza. Il tempo che non conosce vincoli e che nessuna forzatura nè genere di stress potrà condizionare.

Quante volte nella vita quotidiana abbiamo trascurato il contatto con la natura perdendo l’equilibrio con noi stessi, sfuggendo da quel rapporto armonioso tra emozione e corpo che invece ci eleva? Eppure questo equilibrio è alla base del nostro benessere, lo sappiamo tutti!

Dialogheremo con lo scrittore e faremo un salto nella natura proprio ascoltando i suoi racconti, vissuti in prima persona insieme al suo adorato asinello. Un modo autentico per cogliere quell’equilibrio uomo/natura che tanto ci migliora.

“Quando sono in natura mi rendo conto di quanto sia importante essere grati, un sentimento che riempie. Sono grato al fuoco, al freddo, alla legna trovata, alla magia di un un incontro di sguardi con un selvatico…a un sacco di cose. Diamo tutto per scontato quando dovremo ringraziare solo il fatto di respirare e di essere qui e ora. Riempiamoci allora di gratitudine e lasciamo scivolare via il superfluo, materiale e mentale, come fa la foglia con una goccia di pioggia…

Cos’è che mi spinge a tornare alla natura in maniera spartana? Perché questo bisogno quasi fisico di perdermi tra praterie e boschi? Perché, dopo giorni di cammino, ancora mi emoziona guardare Fiocco al mio fianco?

Ci ho pensato spesso e penso che sia dovuto al mio desiderio profondo di libertà e pace… in una società basata sul consumo, sulla velocità del tutto e subito, sull’arrivismo del cane mangia cane io non mi ci trovo. Purtroppo non ne sono immune neanche io, la mia è una ricerca, ma so qual è il mio sentiero per la felicità. Allora esco, parto con poche cose essenziali perché avere troppo è spesso un pesante fardello, parto con il mio Fiocco che spesso è stato mio maestro e camminare con lui la mia mente viaggia fuori dalla dimensione e dal tempo.

Quando la sera mi fermo, Fiocco è sistemato per la notte e con cura seguo il fuoco, un senso di pace mi pervade e il mio essere di inguaribile sognatore prende il sopravvento. Libertà….parola bellissima anche se spesso abusata. La mia libertà l’ho trovata nel cammino spartano che sa di infinito, accompagnato dal passo lento e cadenzato di un asino”.

Venerdì 7 agosto 2020 alle ore 19:00, nella suggestiva atmosfera di una serata estiva, prendiamoci allora tutto il tempo e rilassiamoci tra i racconti dell’autore e i sapori bio della Fattoria sociale Il Giardino dei Ciliegi,  la fattoria che cura con amorevole attenzione tutti i prodotti della sua terra.

Un viaggio di sensazioni tra la mite natura dell’asino e la profondità dell’animo umano. Quel viaggio che ci riporta dentro noi stessi attraverso percorsi selvatici e silenziosi, proprio come tanti spazi incontaminati del Molise. In fondo, l’incontro con l’asino in libertà, animale sensibile ed empatico, è l’incontro con noi stessi ovunque ci incamminiamo su questa terra.

Ecco qui il programma e ricordatevi di prenotare subito la vostra partecipazione!

Ore 19.00: presentazione del  libro | Ore 20.00: aperitivo cenato con i prodotti della Fattoria sociale Il Giardino dei Ciliegi
Costo:  € 10 – Prenotazione obbligatoria chiamando Maurizio al 347 1926278 – Anche WhatsApp
L’evento si svolgerà all’esterno in completa sicurezza rispettando tutte le norme previste sul distanziamento e nel rispetto delle misure anticovid.

Fattoria Sociale Il Giardino dei Ciliegi | C.da Solagna – SP 98 Montemitro (CB) MOLISE – ITALIA | https://www.facebook.com/fattoriasocialeilgiardinodeiciliegi/ E mail: fattoriamarino@gmail.com


Scritto da Mariella Vasco © Fondatrice Moliseinvita | Fonte Immagini: Alfio Scandurra – internet

>> VISITA  ANCHE LA GALLERIA DELLE VETRINE & TERRITORIO – ATTIVITA’ SCELTE DA MOLISEINVITA  PER OSPITARTI NEL MOLISE

CONDIVIDI CON NOI QUESTO ARTICOLO E LASCIA PURE UN TUO COMMENTO SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

>> Se vuoi scoprire di più sulla FATTORIA SOCIALE IL GIARDINO DEI CILIEGI leggi qui:

Fattoria sociale il Giardino dei Ciliegi: benessere per l’uomo e per l’ecosistema | Molise sostenibile